Caricamento Eventi

È un itinerario pensato appositamente per la stagione fredda, quando nella pianura padana la nebbia si taglia con la motosega e le temperature sono gradevoli solo un’ora al giorno, ad ora di pranzo.

In questo periodo, se ci si avvicina al mare ci si rende subito conto del miracolo climatico che quella grande distesa d’acqua salata può offrirci. Ma se si pedala con le nostre E-Bike verso l’entroterra, il beneficio si riduce rapidamente.

Da Toirano alle colline sopra a Pietra Ligure

Così abbiamo pensato a un percorso lungomare che non sia “il solito lungomare”. Siamo in provincia di Savona, partiamo da Borghetto Santo Spirito, un paesone cresciuto negli anni 70 ai tempi del boom. Si sale verso Toirano, su una strada secondaria che affianca quella che conduce a Bardineto e Calizzano. Il paese è molto affascinante, con il suo borgo medievale molto ben conservato: per non perderci nulla lo attraversiamo in tutta la sua lunghezza. Appena usciti dall’abitato incontriamo il bivio per le grotte di Toirano (http://www.toiranogrotte.it/it/home), che meritano sicuramente una visita ma oggi non abbiamo tempo sufficiente! Da qui saliamo sulla collina in direzione di Boissano, dove abitano molti Loanesi per lo splendido panorama che offre, e poi proseguiamo in saliscendi fino alla sterrata per Verzi.

Dopo un po’ di asfalto su stradine deserte siamo di nuovo su sterrato e abbiamo diverse tracce che si intrecciano fra loro e si riuniscono attorno ad un panoramicissimo panettone alberato. Scendiamo verso Giustenice e ritroviamo l’asfalto di strade secondarie in saliscendi verso di Tovo San Giacomo.

Da Tovo San Giacomo a Verezzi

Qui sono possibili due varianti, se possibile attivabili separando il gruppo fino a Bardino Vecchio, qualche km più in su. La prima alternativa, più easy, è percorrere la strada provinciale che sale verso la statale del Melogno, con un traffico moderato ma superiore rispetto a quanto abbiamo incontrato finora. La soluzione “B” è percorrere i piccoli viottoli in parte cementati in parte sterrati che si inerpicano ripidi su per la collina in mezzo a uliveti secolari. Un percorso molto suggestivo ma con qualche passaggio più impegnativo che potrebbe richiedere alcune decina di metri a spinta per chi ha meno esperienza di guida.

Tutti insieme procediamo verso il punto più alto del nostro Tour andando ancora verso est: siamo sopra a Finale Ligure e a Verezzi. Un brevissimo tratto di strada statale e siamo di nuovo in sterrato per goderci una facile crestina con lo sguardo che domina il golfo: da adesso sarà solo discesa per raggiungere il mare.

Appena rientriamo nella civiltà siamo già sulla direttrice per Verezzi, uno splendido villaggio in cima alla collina dell’Orera, con tutta la costa sempre sotto i nostri occhi. Verezzi spicca per le sue costruzioni in pietra rosa arrampicate sulla roccia, affacciate sul magnifico litorale ligure ed immerse in un mix di profumi irresistibili di timo, ginepro, rosmarino e lavanda. Il borgo è stato inserito nel circuito delle Perle di Liguria e, non a caso, anche in quello dei Borghi d’Italia più affascinanti: ricco di viottoli e negozietti, è da visitare un po’ in bici e un po’ accompagnandola a mano, per scoprire tutti gli angoli più caratteristici. Se abbiamo tempo per un boccone, qui c’è l’imbarazzo della scelta per i tanti localini che meritano una visita enogastronomica!

Da Verezzi a Pietra Ligure, Loano e alle auto

Ripartiamo: possiamo scegliere fra la panoramicissima strada principale o i viottoli che scendono dritti verso il mare. In questo secondo caso sono richieste buone capacità di guida perchè il fondo è spesso sconnesso e la pendenza in discesa è impegnativa.

Il nostro itinerario è quasi terminato, arrivati a Borgio giriamo le nostre E-Bike verso ovest percorrendo la statale Aurelia alternata al lungomare di Pietra Ligure e di Loano e, perché no, ad un po’ di spiaggia per un aperitivo! In poco più di mezz’ora di strada siamo al punto di partenza, stanchi ma soddisfatti per la piacevole ed inconsueta giornata Vista Mare.

 

DIFFICOLTA’

Il percorso è prevalentemente su strade asfaltate e facili sterrate talvolta un po’ più accidentate e ripide, che richiedono attenzione nella guida. Alcuni passaggi sono però in stile ligure, con brevi ma intense rampe ripide o con tratti rocciosi o su single track stretti: nei tratti più impegnativi sarà possibile tagliare su strada asfaltata, ma alcuni dovranno essere fatti con bici alla mano per chi ha meno esperienza. Si tratta comunque solo di poche decine di metri e le guide verranno in vostro aiuto come sempre! E’ alla portata di tutte le persone che sanno condurre una bici, non richiede allenamento specifico (grazie al motore elettrico)  ma è consigliata una discreta forma fisica per godersi l’intera giornata in sella. Nel caso la stanchezza avesse il sopravvento, è possibile uscire dal percorso scendendo verso il mare con una delle tante strade asfaltate che si incrociano. E’ un Tour impegnatiivo ma molto gratificate!

Lunghezza 45 km.
Dislivello 1.100 mt.

 

PRENOTA IL TUO E-BIKE TOUR

Per partecipare alle nostre attività bisogna iscriversi alla ASD E-BikeTour.net: l’adesione si fa il giorno del primo Tour. È necessaria anche la copia di un certificato di buona salute, come per le palestre.

Il Tour è attivato con un minimo di 6 partecipanti: un messaggio confermerà il Tour e la tua prenotazione.

 

LE QUOTE DI PARTECIPAZIONE PER I SOCI DELLA ASD E-BIKETOUR.NET

  • Tessera Associativa E-BikeTour.net: vale 365 gg. dall’emissione e comprende assicurazione Infortuni e Responsabilità Civile: 15 Euro
  • Partecipazione con la propria E-MTB, guidati da Istruttori e Accompagnatori Nazionali di Mountain Bike certificati: 25 Euro
  • Eventuale noleggio E-Bike, in base alle disponibilità e alle tariffe dei noleggiatori: 50-70 Euro

Le quote non comprendono le spese dell’eventuale pranzo

COME MI VESTO? COSA DEVO PORTARE?

Ecco un elenco sicuramente non esaustivo ma che può essere di aiuto come promemoria:

  • Cellulare completamente carico
  • Zainetto confortevole e capiente (meglio se anche con cintura a vita, no monospalla)
  • Abbigliamento comodo, utilizza più strati (vestiti “a cipolla”) in base alle temperature previste, sono da preferire i materiali tecnici traspiranti e una giacca anti vento – pioggia (tipo K-Way)
  • Scarpe da bici, ginnastica o scarponcini da trekking
  • Casco da bici (su richiesta può essere fornito gratuitamente) e guanti da bici (corti e/o lunghi a seconda dei percorsi e delle temperature)
  • Borraccia, bottiglia d’acqua o Camel Back (le E-Bike a noleggio spesso NON sono dotate di porta borraccia);
  • Spuntino leggero (barrette energetiche, cioccolato, frutta secca, …)
  • Eventuale pranzo al sacco: il programma viene confermato qualche giorno prima anche per il pranzo

Se vieni con la tua E-Bike, ricordati di portare almeno una camera d’aria di scorta, anche se hai le ruote tubeless.

 

SEGUI E-BIKETOUR.NET SUI CANALI SOCIAL

Facebook
Instagram
YouTube

Condividi questa storia, scegli la tua piattaforma!